DOVE SEI TU, LUCE, È IL MATTINO

[embedplusvideo height=”315″ width=”560″ editlink=”http://bit.ly/132Wo5A” standard=”http://www.youtube.com/v/SqkkjWSsTUk?fs=1″ vars=”ytid=SqkkjWSsTUk&width=560&height=315&start=&stop=&rs=w&hd=0&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep7290″ /]

DOVE SEI TU, LUCE, È IL MATTINO

Tu eri la vita e le cose.

In te desti respiravamo

sotto il cielo che ancora è in noi.

Non pena non febbre allora,

non quest’ombra greve del giorno

affollato e diverso. O luce,

chiarezza lontana, respiro

affannoso, rivolgi gli occhi

immobili e chiari su noi.

È buio il mattino che passa

senza la luce dei tuoi occhi.