Archivi categoria: video

SOLE DEL BUCO NERO

SOLE DEL BUCO NERO

 

Nei miei occhi,
Indisposti,
Mascherato
Cosicché nessuno lo riconosca.
Copre il viso,
Giace la serpe,
E il sole
Nel mio disonore
La calura rovente,
Lezzo estivo.
Immerso nell’ombra
Il cielo sembra morto.
Invoca il mio nome
Attraverso la panna,
E ti sentirò gridare
ancora.

O sole del buco nero,
Giungerai
E spazzerai via la pioggia?

O sole del buco nero,
Giungerai?
Giungerai?
Giungerai?

Inesprimibile,
Freddo e umido,
Ruba la tipieda brezza
O stanco amico.
Il tempo è andato
Per l’uomo onesto
E a volte,
Veramente troppo a lungo
Anche per le serpi.

Nei miei calzari,
Una camminata da sonnambuli,
E la mia giovinezza
Prego di conservare.
Il Paradiso caccia via l’Inferno,
Nessuno
Canta come fai tu.

O sole del buco nero,
Giungerai
E spazzerai via la pioggia?
O sole del buco nero,
Giungerai?
Giungerai?

O sole del buco nero,
Giungerai
E spazzerai via la pioggia?
O sole del buco nero,
Giungerai?
Giungerai?

O sole del buco nero
O sole del buco nero
Giungerai?

O sole del buco nero
O sole del buco nero
Giungerai?

O sole del buco nero
O sole del buco nero

Lega la mia testa,
Annega la mia paura,
Finchè tu del tutto
Non scomparirai…

O sole del buco nero,
Giungerai
E spazzerai via la pioggia?
O sole del buco nero,
Giungerai?
Giungerai?

O sole del buco nero,
Giungerai
E spazzerai via la pioggia?
O sole del buco nero,
Giungerai?
Giungerai?

O sole del buco nero
O sole del buco nero
Giungerai?

O sole del buco nero
O sole del buco nero
Giungerai?

O sole del buco nero
O sole del buco nero
Giungerai?

O sole del buco nero
O sole del buco nero
Giungerai?

O sole del buco nero
O sole del buco nero
Giungerai?

O sole del buco nero
O sole del buco nero
Giungerai?

Giungerai?

Soundgarden

traduzione inviata da Stefano Quizz

—————————–

[embedplusvideo height=”385″ width=”474″ editlink=”http://bit.ly/297bzn4″ standard=”http://www.youtube.com/v/3mbBbFH9fAg?fs=1″ vars=”ytid=3mbBbFH9fAg&width=474&height=385&start=&stop=&rs=w&hd=0&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep5856″ /]

BLACK HOLE SUN

 

In my eyes,
Indisposed,
In disguise
As no one knows.
Hides the face,
Lies the snake,
And the sun
In my disgrace.
Boiling heat,
Summer stench.
‘Neath the black
The sky looks dead.
Call my name
Through the cream,
And I’ll hear you
Scream again.

Black hole sun,
Won’t you come
And wash away the rain?

Black hole sun,
Won’t you come?
Won’t you come?
Won’t you come?

Stuttering,
Cold and damp,
Steal the warm wind
Tired friend.
Times are gone
For honest men
And sometimes,
Far too long
For snakes.

In my shoes,
A walking sleep,
And my youth
I pray to keep.
Heaven send Hell away,
No one
Sings like you anymore.

Black hole sun,
Won’t you come
And wash away the rain?
Black hole sun,
Won’t you come?
Won’t you come?

Black hole sun,
Won’t you come
And wash away the rain?
Black hole sun,
Won’t you come?
Won’t you come?

Black hole sun
Black hole sun
Won’t you come?

Black hole sun
Black hole sun
Won’t you come?

Black hole sun
Black hole sun

Hang my head,
Drown my fear,
Till you all just
Disappear…

Black hole sun,
Won’t you come
And wash away the rain?
Black hole sun,
Won’t you come?
Won’t you come?

Black hole sun,
Won’t you come
And wash away the rain?
Black hole sun,
Won’t you come?
Won’t you come?

Black hole sun,
Black hole sun,
Won’t you come?

Black hole sun,
Black hole sun,
Won’t you come?

Black hole sun,
Black hole sun,
Won’t you come?

Black hole sun,
Black hole sun,
Won’t you come?

Black hole sun,
Black hole sun,
Won’t you come?

Black hole sun,
Black hole sun,
Won’t you come?

Won’t you come?

Soundgarden


©poesieweb 2006-2016

DON'T THINK TWICE IT'S ALL RIGHT

Don’t Think Twice It’s All Right

It ain’t no use to sit and wonder why, babe

It don’t matter, anyhow

An’ it ain’t no use to sit and wonder why, babe

If you don’t know by now

When your rooster crows at the break of dawn

Look out your window and Ìll be gone

Yoùre the reason Ìm trav’lin’ on

Don’t think twice, it’s all right


It ain’t no use in turnin’ on your light, babe

That light I never knowed

An’ it ain’t no use in turnin’ on your light, babe

Ìm on the dark side of the road

Still I wish there was somethin’ you would do or say

To try and make me change my mind and stay

We never did too much talkin’ anyway

So don’t think twice, it’s all right


It ain’t no use in callin’ out my name, gal

Like you never did before

It ain’t no use in callin’ out my name, gal

I can’t hear you any more

Ìm a-thinkin’ and a-wond’rin’ all the way down the road

I once loved a woman, a child Ìm told

I give her my heart but she wanted my soul

But don’t think twice, it’s all right


Ìm walkin’ down that long, lonesome road, babe

Where Ìm bound, I can’t tell

But goodbyès too good a word, gal

So Ìll just say fare thee well

I ain’t sayin’ you treated me unkind

You could have done better but I don’t mind

You just kinda wasted my precious time

But don’t think twice, it’s all right

Bob Dylan

Non pensarci, va tutto bene

Non serve stare seduta a chiederti perché, babe

Non è il caso, comunque

E non serve stare seduta a chiederti perché, babe

Se non capisci ancora

Quando il tuo gallo canterà all’alba

Guarda fuori dalla tua finestra e me ne sarò andato

Tu sei il motivo per il quale vado via

Ma non pensarci, va tutto bene


Non serve accendere la tua luce, babe

Quella luce che non ho mai visto

E non serve accendere la tua luce, babe

Sono sul lato oscuro della strada

Ancora speravo ci fosse qualcosa che tu potessi fare o dire

Per cercare di farmi cambiare idea e restare

Ma noi non abbiamo mai parlato abbastanza

Ma non pensarci, va tutto bene


Non serve gridare il mio nome, ragazza

Come non hai mai fatto

Non serve gridare il mio nome, ragazza

Non posso più sentirti

Sto pensando e domandandomi in tutti i modi lungo la strada

Una volta ho amato una donna, una bambina mi sono detto

Gli ho dato il mio cuore ma lei voleva la mia anima

Ma non pensarci, va tutto bene


Arrivederci, dolcezza

Dove sono diretto non posso dirlo

Ma ciao è una parola troppo bella, babe

Così dirò solamente addio

Non sto dicendo che mi hai trattato male

Avresti potuto fare di meglio ma non mi interessa

Hai solamente sprecato il mio tempo prezioso

Ma non pensarci, va tutto bene

Bob Dylan

DON’T THINK TWICE IT’S ALL RIGHT

Don’t Think Twice It’s All Right

It ain’t no use to sit and wonder why, babe

It don’t matter, anyhow

An’ it ain’t no use to sit and wonder why, babe

If you don’t know by now

When your rooster crows at the break of dawn

Look out your window and Ìll be gone

Yoùre the reason Ìm trav’lin’ on

Don’t think twice, it’s all right


It ain’t no use in turnin’ on your light, babe

That light I never knowed

An’ it ain’t no use in turnin’ on your light, babe

Ìm on the dark side of the road

Still I wish there was somethin’ you would do or say

To try and make me change my mind and stay

We never did too much talkin’ anyway

So don’t think twice, it’s all right


It ain’t no use in callin’ out my name, gal

Like you never did before

It ain’t no use in callin’ out my name, gal

I can’t hear you any more

Ìm a-thinkin’ and a-wond’rin’ all the way down the road

I once loved a woman, a child Ìm told

I give her my heart but she wanted my soul

But don’t think twice, it’s all right


Ìm walkin’ down that long, lonesome road, babe

Where Ìm bound, I can’t tell

But goodbyès too good a word, gal

So Ìll just say fare thee well

I ain’t sayin’ you treated me unkind

You could have done better but I don’t mind

You just kinda wasted my precious time

But don’t think twice, it’s all right

Bob Dylan

Non pensarci, va tutto bene

Non serve stare seduta a chiederti perché, babe

Non è il caso, comunque

E non serve stare seduta a chiederti perché, babe

Se non capisci ancora

Quando il tuo gallo canterà all’alba

Guarda fuori dalla tua finestra e me ne sarò andato

Tu sei il motivo per il quale vado via

Ma non pensarci, va tutto bene


Non serve accendere la tua luce, babe

Quella luce che non ho mai visto

E non serve accendere la tua luce, babe

Sono sul lato oscuro della strada

Ancora speravo ci fosse qualcosa che tu potessi fare o dire

Per cercare di farmi cambiare idea e restare

Ma noi non abbiamo mai parlato abbastanza

Ma non pensarci, va tutto bene


Non serve gridare il mio nome, ragazza

Come non hai mai fatto

Non serve gridare il mio nome, ragazza

Non posso più sentirti

Sto pensando e domandandomi in tutti i modi lungo la strada

Una volta ho amato una donna, una bambina mi sono detto

Gli ho dato il mio cuore ma lei voleva la mia anima

Ma non pensarci, va tutto bene


Arrivederci, dolcezza

Dove sono diretto non posso dirlo

Ma ciao è una parola troppo bella, babe

Così dirò solamente addio

Non sto dicendo che mi hai trattato male

Avresti potuto fare di meglio ma non mi interessa

Hai solamente sprecato il mio tempo prezioso

Ma non pensarci, va tutto bene

Bob Dylan

LA QUIETE DOPO LA TEMPESTA

[embedplusvideo height=”385″ width=”474″ editlink=”http://bit.ly/1QIkWEo” standard=”http://www.youtube.com/v/99uXYBFZ6Xs?fs=1″ vars=”ytid=99uXYBFZ6Xs&width=474&height=385&start=&stop=&rs=w&hd=0&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep6347″ /]

La quiete dopo la tempesta

Passata è la tempesta:
Odo augelli far festa, e la gallina,
Tornata in su la via,
Che ripete il suo verso. Ecco il sereno
Rompe là da ponente, alla montagna;
Sgombrasi la campagna,
E chiaro nella valle il fiume appare.
Ogni cor si rallegra, in ogni lato
Risorge il romorio
Torna il lavoro usato.
L’artigiano a mirar l’umido cielo,
Con l’opra in man, cantando,
Fassi in su l’uscio; a prova
Vien fuor la femminetta a còr dell’acqua
Della novella piova;
E l’erbaiuol rinnova
Di sentiero in sentiero
Il grido giornaliero.
Ecco il Sol che ritorna, ecco sorride
Per li poggi e le ville. Apre i balconi,
Apre terrazzi e logge la famiglia:
E, dalla via corrente, odi lontano
Tintinnio di sonagli; il carro stride
Del passegger che il suo cammin ripiglia.

Si rallegra ogni core.
Sì dolce, sì gradita
Quand’è, com’or, la vita?
Quando con tanto amore
L’uomo a’ suoi studi intende?
O torna all’opre? o cosa nova imprende?
Quando de’ mali suoi men si ricorda?
Piacer figlio d’affanno;
Gioia vana, ch’è frutto
Del passato timore, onde si scosse
E paventò la morte
Chi la vita abborria;
Onde in lungo tormento,
Fredde, tacite, smorte,
Sudàr le genti e palpitàr, vedendo
Mossi alle nostre offese
Folgori, nembi e vento.

O natura cortese,
Son questi i doni tuoi,
Questi i diletti sono
Che tu porgi ai mortali. Uscir di pena
E’ diletto fra noi.
Pene tu spargi a larga mano; il duolo
Spontaneo sorge: e di piacer, quel tanto
Che per mostro e miracolo talvolta
Nasce d’affanno, è gran guadagno. Umana
Prole cara agli eterni! assai felice
Se respirar ti lice
D’alcun dolor: beata
Se te d’ogni dolor morte risana.

Giacomo Leopardi

THE MAN WITH THE BEAUTIFUL EYES

[embedplusvideo height=”296″ width=”474″ editlink=”http://bit.ly/1f4gLWt” standard=”http://www.youtube.com/v/JW12Ealvj0s?fs=1″ vars=”ytid=JW12Ealvj0s&width=474&height=296&start=&stop=&rs=w&hd=0&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep8290″ /]

Charles Bukowski “The man with the beautiful eyes”

 

Quando eravamo piccoli c’era una casa strana,
gli scuri erano sempre chiusi
non sentivamo voci venire da dentro.
Il giardino era pieno di canne di bambù,
ci divertivamo a giocare tra i bambù.
Fingevamo di essere Tarzan, anche se macava Jane,
C’era un grande stagno con i pesci rossi più grassi del mondo.
Erano pesci addomesticati. salivano in superficie
per prendere dalle nostre mani le briciole di pane.
I nostri genitori ci avevano detto:
“Non avvicinatevi a quella casa.” Naturalmente ci andammo.
Ci chiedevamo se qualcuno ci abitasse
Passavano le settimane, ma non si vedeva nessuno,
un giorno sentimmo una voce provenire dalla casa:
“Maledetta puttana!” Era la voce di un uomo.
Poi la porta di casa si spalancò e l’uomo ne uscì.
Teneva una pinta di whisky nella mano destra.
Avrà avuto trent’anni.
Aveva un sigaro in bocca e la barba non rasata.
i suoi capelli erano ribelli e spettinati
ed era scalzo in cannottiera e pantaloni.
Ma gli occhi erano luminosi, splendevano. E disse:
“Signorini! Spero vi stiate divertendo.”
Poi fece una risatina e tornò nella sua casa.
Ce ne tornammo nel giardino dei miei genitori per riflettere sulla cosa.
Arrivammo alla conclusione che i nostri genitori volevano tenerci lontani da lì,
perchè non volevano che vedessimo un uomo come quello:
un uomo forte dagli occhi meravigliosi.
Si vergognavano di non essere come lui
per questo volevano tenercene alla larga.
Ma noi tornammo a quella casa e alle canne di bambù
e ai pesci addomesticati.
Tornammo tante volte e per molte settimane di seguito,
ma non vedemmo nè sentimmo più quell’uomo.
Gli scuri erano chiusi come sempre e tutto era silenzioso.
Un giorno mentre tornavamo da scuola vedemmo la casa.
Era bruciata, non era rimasto niente.
Solo delle fondamenta fumanti.
Corremmo allo stagno dei pesci rossi e non c’era più l’acqua.
I grassi pesci rossi erano morti.
Tornammo al giardino dei miei a parlarne.
Secondo noi i nostri genitori avevano bruciato la casa
avevano ucciso gli abitanti e avevano ucciso i pesci
perchè era tutto troppo bello.
Avevano bruciato anche la foresta di bambù.
Avevano avuto paura dell’uomo dagli occhi meravigliosi.
Noi cominciammo a temere che per il resto della nostra vita
sarebbero successe cose come queste,
che nessuno avrebbe voluto persone belle come quell’uomo,
che gli altri non lo avrebbero permesso
e che molte persone sarebbero dovute morire.

Testo tratto da
“Nato per rubare le rose- Madrigali da una camera in affitto”,
SugarCo Editore, 1997

PENSAMENTO POSITIVO

[embedplusvideo height=”385″ width=”474″ editlink=”http://bit.ly/1f4fzSI” standard=”http://www.youtube.com/v/JVajWqWdEco?fs=1″ vars=”ytid=JVajWqWdEco&width=474&height=385&start=&stop=&rs=w&hd=0&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep3671″ /]

Pensamento Positivo – Hermeto Pascoal e grupo

TANGERINA – vídeo-poema

[embedplusvideo height=”296″ width=”474″ editlink=”http://bit.ly/1f4eDhh” standard=”http://www.youtube.com/v/h_a0-knhFqs?fs=1″ vars=”ytid=h_a0-knhFqs&width=474&height=296&start=&stop=&rs=w&hd=0&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep9161″ /]

Tangerina – vídeo-poema

METAMORFOSIS, POEMA VISUAL

[embedplusvideo height=”385″ width=”474″ editlink=”http://bit.ly/1f4cC4E” standard=”http://www.youtube.com/v/FjCUaCvBBGU?fs=1″ vars=”ytid=FjCUaCvBBGU&width=474&height=385&start=&stop=&rs=w&hd=0&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep7341″ /]

METAMORFOSIS, POEMA VISUAL