H 2 O

H   O

   2

 

 

H   O

2

nuotare

annaspando

 

la mia nudità

la tua

riflessi torbidi

in un oceano

tronchi e foglie spezzati

tutti alla deriva

come

una latrina…

 

alla porta

che cerco di raggiungere

di chiudere

qualcuno entra

penso…………….sei tu

o la polizia

 

è un gigante

con una maschera grigia

come ferro

ogni atto

è ora superfluo

così smarrito

quale sono

niente ha più di umano

nemmeno

questo combattere i nemici.

 

 

 

BIANCO E NERO

BIANCO E NERO

 

 

Nell’arco di un istante

una nera freccia

incontra un ostacolo

duro

 

 

–          interrotto un infinitesimo brusio in cattività –

 

naturalmente

così

stasera

 

ricordo una bimba scalza,

camminava sull’ erba umida

e dipingeva piccoli sassi nudi

 

 

–          rotola e gioca al salto della corda –

 

un tenero sentimento

spicca sulla terra

e bagna le cervella

 

ma è solo una sensazione …

 

rigurgiti, dolce sorgenti.

 

Accanto ad una rosea bimba

ho cinto la vita

e di morbidi pensieri

avvolto di un velo

il grande albero vizzo

 

 

–          in questa storia, in queste due storie, il cancro di una notte –

–          fagocitato ed espulso da animali feroci, forma una macchia bianca –

 

e

questo rumore

perverso

intriso di corpi

alla brezza

che tinge, spinge

e muove carcasse

s’unisce e fruisce

lysergica trama esistenziale,

di rosse salive,

che in una notte perdono il colore,

e le lascia svanire

in dolci rigagnoli

alle secche labbra secche :

 

 

–          in questa stanza di rinnegati non c’è più voglia di parole –

 

ma è solo una sensazione

la noia verbale che ci assale.

 

 

 

 

II

 

Nell’arco di un istante

un laser

attraversa la città

ed il ventesimo dei secoli

emette un vagito

e piega le gambe

in eroica sottomissione.

 

 

 

 

III

 

( C’è un piccolo

   che in una sala cinematografica

   stona una canzone )

DE – COMPOSTO

DE – COMPOSTO

 

 

Ecco

Piove

E dalla cornice

La mia fronte gonfia

Esplode

In un punto di luce

Lungo le pareti del condominio …

Il passante distratto mormora

Intorno un sorriso

Questo cielo così grigio banale

Ricorda l’acciaio …

Sono

Liquido

Scorro

Innaffio

Lo svogliato postino

E lo stupido collo dei vasi

Complice …

Prima voialtri …

Questa è la fine

Perché tutti vedano

Il nulla sgarbato …

Proiezione proibita …

Già … così è per tutti noi.

 

 

( E ci fu chi sostenne il contrario )

 

OLTRE ( 10 )

OLTRE           ( 10 )

 

Lei

sillaba

le lettere

del fuoco                                            (           quanto è lontana l’ America               )

e

sugli spalti                                          (           three cowboy songs               )

i diamanti

logori                                                  (           lungimirante passato              )

ricordano

il mio volto

ancor giovane                                     (           rovesciando il continente       )

 

–           suonano   per    Erich   Leinsdorf                  –

 

lei

fragile gioco

importato da Rodi

lei

non lo sapremo mai

appoggiate ai vetri d’ Ive

il dolce morir di noia no

avvolge lo sguardo

stampato                                            today improbe and expand

il

disegno

del polso                                            make the world go away

 

–           sigarette          cinema            ford                 –

 

la strega                                              ossa bianche

ricorda

la strega                                              suo figlio

stregonerie a basso prezzo

ahhhhhhhhhhhhhhhhh,

nessun rumore di fondo                     fugue

 

come sempre                                      nessuna variazione

 

oltre                                                    esaurito

 

funeral from die gutterdammerung

 

lei

io

non più

la cercherò   .

OLTRE ( 9 )

 

OLTRE           ( 9 )

 

Immissioni

piacevoli

di realtà …

 

l’abito di una provocazione

alleggerendo

l’equipaggiamento d’ a

s

s

a

l

t

o

e l’  e

          s

            t

              e

                t

                   i

                        c

                               a               ( nella migliore peculiarità )

 

v  a          a            f a r s i            f o t t e r e

 

per una eccellente

rappresentazione

cittadina cittadina cittadina citt.

giorno   –   dopo    –     giorno

accessibile a molti di noi ….

 

 

Il                     di                    repertorio                    ( divorando lo spazio )

settore                  un

 

 

–          ( ascolta … dove risiede il suono – chiamato da un tuo amico – e fanne uso abbondante

abbondante / abbondante / abbondante / abbondante / abbondante / abbonda. / .    )    –

 

 

ESTRAPOLAZIONI DI LIBERTA’  :   / negativo / / negativo / / negativo /

/ negativo / / negativo / / negativo / / negativo / / negativo / / negativo / / nega. /

/ apri una birra / / apri una birra / / apri una birra / / apri una birra / / apri . /

/ positivo / / positivo / / positivo / / positivo / / positivo / / positivo / / positivo /

 

 

 

 

 

 

 

–          ( dalla cima di una montagna appare appare appare appare appare appare appare

la magicità del cosmo  :  l’  i

s

o

l

a   di  voci senza luce

che il chino e breve gioco

di libecci lunari

ha chiuso in spazi rapidi

e sparuti .                                                       )   –

 

 

 

 

 

 

 

OLTRE ( 8 )

OLTRE           ( 8 )

 

 

(  U N D E R W O R L D  )

 

 

 

il          sole                 rotondo

 

il          sole                 quadrato

 

il          sole                 giallo

 

il          sole                 nero

 

 

avrei    voluto    svegliarmi    presto

 

 

sotto    la                     luna

 

sopra   la                     luna

 

verso   la                     luna

 

dalla                            luna

 

 

avrei    voluto    il     male    sui     denti

 

 

ancor       ragazzo       ulcera

 

non    più    ragazzo    ulcera

 

 

avrei     voluto     il      pandemonio

 

 

ordinata      tra     i      filari

 

 

la         sua       veste    bianca

 

la         sua       veste    rosa

 

la         sua       veste    lilla

 

 

 

magic     words

 

magic    words     over

 

magic    words     under

 

 

 

I               C A N  ‘  T                                C O M E                         O U T

OLTRE ( 7 )

OLTRE           ( 7 )

 

Mi tolgo il golf                                              Francesca ride

il fantastico muore                                         fa molto freddo quest’anno

siamo nel mezzo di una

discussione                                                    è tutto ancora così irreale

no, non siamo profeti                                     osservatori

il fantastico muore                                         in una distorta articolazione

mi tolgo il golf                                               Francesca ride

della mia inconscia iterazione

è goffa e tendenziosa

Francesca

quando

ride …

un discorso                                                    reciso

non siamo profeti                                           tutto ciò è molto significativo

non siamo eroi del verso

alle immagini mentali                                     dedico l’inerzia del testo

scrittore ragazzo                                            bianco messaggero dell’ evoluzione

guardo Francesca                                           Francesca ride

umanitaria come sempre

la protagonista                                               in questa cospirazione

di mentecatti perversi …

mi tolgo il golf                                               c’è una strana puzza di carogne

mi tolgo ciò che mi appartiene                       siamo nel mezzo di una

discussione

vomito la mia faccia logora                           Francesca ride

non sono il suo amante                                  ma non era necessario rivelarlo

non lo sono mai stato                                     la solita incompatibilità

di me stesso con me stesso

vomito le mie parole                                      Francesca

è

ben

conservata

oltre l’uso che se ne è fatta …

 

Per lei

apro una bocca                                               color vino rosso

siamo nel mezzo                                            ora, se vuoi

di una discussione                                         il profeta è morto

 

… tra la polvere

eroi del verso

cercano la loro identità …

 

oltre il settimo sistema

 

ma è solo uno scherzo cattivo

 

OLTRE ( 6 )

 

OLTRE           ( 6 )

 

Non ancora                                                                Il sesso

Una settimana                                                           Il mio sesso

Dormo                                                                       Il tuo sesso

Hanno cambiato                                                        Il suo sesso

Due morti                                                                  L’ anticiclone

In sala da pranzo                                                       Domina

Talvolta mi confondo                                                Il tramonto

Pazienza                                                                    Siamo sulla spiaggia

La gente che conosco                                                Qualche tempo fa

…                                                                              Nelle buche tra la sabbia

E’ una finezza etica                                                   I baci

Che certamente                                                         La vecchia noia

Avrai colto                                                                Buttata lontano

…                                                                              Poco importa

Cerco di sopportare                                                   L’attenzione …

La loro età                                                                 Fa caldo

Suonando Jazz                                                          Cerchiamo di preservare

Al bar                                                                        La nostra identità

Aldo !                                                                        Qualche suono disarticolato

Aldo a braccetto                                                        Romanzo meccanico

Aldo mi bacia                                                            Poco alienante

E si lamenta ogni tanto                                              Del nostro rapporto

E Marina e la Patti                                                     Tirando fuori la lingua

Che mi parlano talvolta                                             Con certa simmetria

Aldo                                                                          Appoggiati alla sdraio …

Grande grosso e nero                                                Ma è pur sempre così che

E’ stanco                                                                   Ci si ama

Delle cose mondane                                                  Ma è pur sempre così che

Specie                                                                        Ci si odia …

Quando Paola                                                            Se stasera

Parla di Fisica Nucleare                                             Andrò in discoteca

Quindici anni o dieci anni                                         Dirò una preghiera

Di meno                                                                     Anche per te.

 

 

OLTRE ( 5 )

 

OLTRE           ( 5 )

 

Penso a ciò che siamo

Incosciente                                                                una testa mozza scompare

Senza mente locale al passato                                   violacea ed ispida

 

Siamo merda                                                             putredine fresca

La potenza di ognuno di voi                                     scalda

la vita

cosciente

penso al post delirio                                                  mormorii nella foresta

nessuna variazione                                                     nel lungimirante passato

verde cenere sparsa nell’aria

piccolo spazio d’universo                                          vedo le nuvole

rosse

ruotare sull’ asse

del gabinetto

del resto

oltre il reale                                                                la parola

non ho bisogno di me stesso                                     solo uno specchio

su & giù                                                                     qua & là

ammassato sul vetro                                                  il riflesso

dell’esplodere del corpo

penso alla mia nudità

disincantata

da queste piccolezze tossicodipendenti

lascio gocce per gli occhi

ed inchiostro per le penne

nella virile esposizione

ed incespico

scivolo

mi rialzo                                                                     vomito

reale                                                                           irreale

obliquamente

alla      repressione      del       fantastico        con      cui       litigo    con      perverso          piacere

 

penso

a quando la smetteranno

di lavare le nostre miserie

le mie ragioni                                                             le loro ragioni

opinioni volgate tra noi

abbandoni venali                                                       quanto alle rese banali

nella formale stesura

di un’ ibrida figura                                                    simile alla nostra

che adora la noia                                                       in una gelida norma

della fangosa introspezione.

 

( . . . storpi logorroici si liberano lateralmente – nuovo quadrante di libertà . . . )

 

OLTRE ( 4 )

OLTRE           ( 4 )

 

 

Marco             respira

 

La notte          è          ghiaccio          e          sale

 

Un cibo           poi       noi

 

“ pronto ? “

senza altro sapere

cibo, un cibo viola

su due dita al pianoforte        …        Marco

respira

 

. . .       le stelle            il quadro

le stelle scivolano dal quadro come secche sterpi

noi      la terra       è        ora      coperta      di        veli

plasmiamoci     permeabili

 

 

……………………

 

 

–          ma non ricordo cosa stavi dicendo –

–          e dimentico la risposta –

 

 

…………………….

 

 

. . .       e si accende la radio               ( noi

la terra

è ora

etc.               )                      MarcoMarco libertino

due dita al pianoforte

e per lei e tanti altri

il cielo è troppo basso

quattro salti in Plattenschrank

Elektronik Muzik solo perch’io

ti

sorrida …

MarcoMarco starnuta

 

 

 

 

 

respira, è vivo

coperto di occhi

il sale lo plasma

noi    la     risposta     il      telefono     nella     casa     stride

 

  1. M.

ricomincia daccapo il Tantra

MarcoMarcoMarco

sciogliendo il cristallo del posacenere

MarcoMarcoMarcoMarco

inebetisce le nostre strade di fresca monotonia

MarcoMarcoMarcoMarcoMarco

Epilessia

tutto fila liscio                                                                                   MarcoMarcoMarcioMarcoMarco

Epilessia

olio sudicio tra le palme delle mani

poggiate a terra nei secoli al solito

nei pochi nostri giorni

MarcoMarcoMarcoMarco

 

non respira

MarcoMarcoMarcoMarco