THE EMBARKING

T H E          E M B A R K I N G

 

( …something like infatuation

seeps throuugh the human mind )   R.A. –lo/12:1981

 

 

 

 

non avendo molta forza per parlare

disperata ed affascinante

è solo sete repressa

cosiddetta voglia di bere

un liquido giallo

colando nello stomaco delle vene

richiama bollicine di neve

frutta martorana

ed una leggera esse

vedo una luce brillare

l’iride

acqua marina

ti amo perché sei stupenda

ti amo perché sei stupenda

ti amo perché sei stupenda

ancora non lo sapevo

ti amo perché sei stupenda

ora lo so con certezza

ti amo perché sei stupenda

something like infatuation

seeps through the human mind

amo questa luce brillare .

 

(…ti sento bollire nelle vene).

 

 

ENVELOPES TESTICLES ’ DANCE

 

E N V E L O P E S

T E S T I C L E S ’

D A N C E

 

(USCITI DA SCUOLA)

 

 

ho creato la mia casa

un’interessante avanguardia

chiudete gli occhi

con il favore della notte

potrei sfiorarti le labbra

e con energia padroneggiare

i lineamenti del tuo viso

percorrendo sentieri surreali

alla ricerca di un po’ di saliva

potrei ancora baciarti

sotto il segno rosso del sangue

potrei penetrarti

ed urlare di piacere

nello spazio

 

 

strazio

 

 

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

 

 

19/01/1982

 

 

DAY AFTER DAY

DAY AFTER DAY

 

sono in una foresta di spore

sto per vomitare il liquido giallo

che mi gonfia lo stomaco

 

conosco bene il mio male

ne soffro da parecchi mesi

ma non riesco a farlo regredire

 

la gente che mi sta attorno parla

ma non riesco ad afferrare quello che dice

è tutto molto confuso e rinuncio a capire

 

sento che sto per stare male

sono completamente pallido

sento freddo

il mio addome sta fermentando

ed uno strano tremito mi prende le mani

 

mormoro – ho solo un filo di voce –

il mio nome è Ebran Borili Co. Lotombo

vengo da Oliman , a nord del Mediterraneo

ho solo un cane ed una scimmia come compagni di viaggio

 

e mi sono riservato un posto per creare

ciò che il mio stomaco sta per espellere

 

ciò che un giorno voleva vivere sorprendentemente

all’oscuro di un’invisibile cartilagine bianca

dentro al mio ventre

 

un posto riservato

dove nessuno possa vedere e giudicare

il parto di chi come me sta male

 

si tratta

d’inchiostro giallo di Casbahn

sutcliffe d’arte moderna ex  p.o.b.

cultura Dresda di Levante

 

sostanza non completamente materiale

generata a mezzo ragione

che agisce su socialità, distacco dai sensi,

volontà e decadenza della memoria…

 

sono sommerso dalla gente

day  after  day

finisce la musica

ed il freddo scende da nord

innevando le case ed i loro camini

 

(una nuova guerra è scoppiata

una rivoluzione ora è fuori luogo.)

 

4/02/1981